lunedì 1 luglio 2013

“La serie Victorian Solstice” di Federica Soprani e Vittoria Corella


Il taglio di questo post sarà un po’ diverso dal solito come diversa è stata la dinamica per cui mi sono ritrovata a leggere i primi due episodi della serie Victorian Solstice intitolati “La società degli spiriti” e “La lega dei gentiluomini rossi”.
E’ la prima volta che vengo contattata direttamente da un autore per fare una recensione della sua opera e colgo l’occasione per ringraziare Federica e la sua co-autrice Vittoria per la fiducia risposta nel mio blog.
In realtà sono stata un po’ indecisa se accettare o no l’incarico, per carattere non mi piace stroncare un libro o un racconto. Penso che vada sempre comunque premiato l’impegno di uno scrittore e che ciò che può non piacere a me non è detto non possa essere interessante per altri.
Per questo anche quando collaboro con le case editrici cerco sempre di scegliere libri che ritengo validi e che credo incontreranno i miei gusti.

Tornado alla serie in questione, davanti ai brevi cenni biografici delle autrici e sapendo che i racconti erano ambientati in epoca vittoriana, mi sono lasciata guidare dall’istinto e ho deciso di accettare. Oggi posso dire che le mie aspettative non sono state deluse ed il mio giudizio è più che positivo nonostante i racconti siano incentrati sull’elemento erotico, elemento che solitamente io non prediligo per le mie letture.

LA SOCIETA' DEGLI SPIRITI
di Federica Soprani e Vittoria Corella
Lite Editions
Nel primo episodio “La società degli spiriti” facciamo conoscenza con i due principali protagonisti della serie: Jericho Marmaduke Shelmardine e Jonas Marlowe.
Jericho è un medium molto conosciuto. Bello, affascinante ed elegante, è solito cenare nei migliori ristoranti e frequentare i salotti della buona società. Ha la capacità di riuscire a comprendere la personalità dei suoi interlocutori studiandone attentamente il comportamento.
Jonas Marlow è un ispettore di Scotland Yard, un tipo schivo e puntiglioso, una persona che non ama apparire sui giornali e che non crede nel soprannaturale. Fisicamente non si può definire un bell’uomo, ha i capelli rossi e la sua è una di quelle facce che vengono comunemente definite “facce da cavallo”.
Entrambi i personaggi nascondono vicende personali più o meno ambigue ed inquietanti di cui il lettore verrà a conoscenza a tempo debito nel corso del racconto e delle quali ovviamente non voglio anticiparvi nulla per non rovinarvi il piacere della scoperta.
In questo primo episodio Jonas e Jericho indagano sulla morte di Lord Kynaston, capofamiglia dei Conti di Shaftesbury, il cui cadavere straziato è stato rinvenuto nella sua biblioteca, chiusa a chiave dall’interno. Per far luce sull’omicidio, l’ispettore ed il medium rivolteranno la città fin nei luoghi più torbidi nel tentativo di ritrovare la protetta di Lord Kynaston, la giovane Miss Euphrosine Morris, di cui si sono perse le tracce dopo la morte di quest’ultimo.

LA LEGA DEI GENTILUOMINI ROSSI
di Federica Soprani e Vittoria Corella
Lite Editions
Nel secondo episodio invece dal titolo “La lega dei gentiluomini rossi” Jonas e Jericho sono impegnati a risolvere un caso di persone scomparse. A scomparire sono giovani uomini di bell’aspetto che hanno una caratteristica comune: hanno tutti i capelli rossi.
In questo episodio i nostri investigatori non avranno solo a che fare con povere famiglie di irlandesi immigrati, ma anche con persone molto vicine alla Corona.
Jonas e Jericho si ritroveranno ad indagare su una delle persone più influenti del Regno ovvero il Duca di Beaufort, il Lord Cancelliere. Uno dei ragazzi scomparsi infatti altri non è che George Coventry, fratello gemello di Gwendoline Coventry, la giovane e bellissima moglie del Duca.
Ma poiché ci sono cose che non devono essere portate alla luce e persone che non possono essere assolutamente compromesse, il medium e l’investigatore si troveranno in situazioni davvero pericolose.

L’atmosfera che si respira leggendo questi racconti è quella tipica della Londra di fine Ottocento. La città ci viene spesso descritta avvolta dalla nebbia, i protagonisti ci conducono nelle strade più pericolose, quelle stesse strade che hanno fatto da sfondo ai delitti commessi da Jack Lo Squartatore.
Il mondo ha perso la sua innocenza e imperversano il vizio, la corruzione e la depravazione. La sensualità e l’eros sono elementi fondamentali di questi racconti che pongono l’accento sulla dissolutezza dei costumi e sull’omosessualità.

Federica Soprani e Vittoria Corella hanno dimostrato con questi due episodi di essere dotate di molta fantasia; le descrizioni dei luoghi sono dettagliate e la scrittura è scorrevole.
L’elemento erotico non è mai osceno né fine a se stesso, ma perfettamente integrato nella storia. Pur non lasciando nulla all’immaginazione ogni cosa viene sempre raccontata in maniera garbata ed elegante cosicché anche le immagini più forti e dirette non risultano mai troppo volgari.

I racconti possono essere letti anche separatamente perché, al di là del filo conduttore che lega i vari personaggi, i singoli casi trovano la loro risoluzione alla fine di ogni episodio.
Nell’attesa di conoscere le nuove avventure di Jonas e Jericho, vi ricordo, nel caso foste interessati alla lettura, che i primi due racconti “La società degli spiriti” e “La lega dei gentiluomini rossi” sono stati pubblicati esclusivamente in formato e-book.
  


3 commenti:

  1. Eli mi hai intrigato...giallo ed erotismo...ottimo!!! dove si trovano questi ebook? grazie come al solito per il lavoro che fai! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te!
      li puoi trovare direttamente sul sito della casa editrice
      http://www.lite-editions.com/
      o se necessiti del formato mobi su amazon
      www.amazon.it

      Elimina