domenica 16 settembre 2018

“La leggenda degli albi” di Markus Heitz


LA LEGGENDA DEGLI ALBI
di Markus Heitz
TEA
Gli albi sono una razza crudele. Amano la guerra e l’arte; si dice che pratichino la magia nera e che la loro medicina sia molto avanzata.
Gli albi sono esseri quasi immortali: non conoscono le malattie e possono morire solo a seguito di una morte violenta causata da un fatto accidentale.
Amici giurati degli elfi, ai quali sono molto somiglianti, ma dai quali si differenziano per l’indole malvagia, gli albi, provano un odio indicibile verso ogni altra razza, soprattutto verso i nani e gli umani.
Gli Eterni, i due fratelli Nagsar e Nagsor Inastè, sono i sovrani degli albi; la loro bellezza è talmente abbagliante che neppure i loro sudditi possono guardarli se non vogliono compromettere la propria salute mentale.

“La leggenda degli albi” è il primo volume della saga nata dalla penna di Markus Heitz.
I titoli successivi sono “La battaglia degli albi”, “Il cammino oscuro: la vendetta degli albi” e “L’ira degli albi”.

Le storie narrate in questa saga si inseriscono in quelle di un’altra saga (La saga della Terra Nascosta), composta da cinque volumi ai quali le leggende degli albi fanno da prequel, midquel e sequel.

Protagonisti di questo primo volume “La leggenda degli albi” sono Sinthoras e Caphalor, entrambi protagonisti del primo volume della saga della Terra Nascosta intitolato “Le cinque stirpi”.

Nel Dsôs Faïmon si agitano due opposte fazioni: le Comete e le Stelle.
Sinthoras è un guerriero ambizioso che come membro delle Comete vorrebbe iniziare una campagna per estendere quanto prima possibile i domini del regno.
Caphalor, guerriero che ha ottenuto la consacrazione degli Eterni, appartiene alla fazione delle Stelle e, come tale, non vede di buon occhio una possibile guerra espansionistica, ma piuttosto vorrebbe aumentare le misure difensive per proteggersi da eventuali aggressori esterni.

Sinthoras e Caphalor si incontrano per caso durante una battuta di caccia e dopo un acceso diverbio, si lasciano da nemici giurati.

Il destino però ha in serbo per loro una sorpresa: per secoli elfi e nani hanno prosperato nelle Terre Nascoste le cui vie di accesso erano precluse agli altri popoli grazie ad un incantesimo di difesa.

Gli Eterni però hanno scoperto che un demone potente, il Demone di Nebbia, si è stabilito nelle regioni a nord-ovest. Egli è in grado di spezzare qualsiasi sortilegio e i sovrani degli albi vogliono proporgli un’alleanza.
Caphalor e Sinthoras saranno inviati insieme come ambasciatori per ottenere l’aiuto del demone e convincerlo a combattere al fianco del popolo degli albi.
Sulla loro strada i due guerrieri incontreranno molte difficoltà, diversi ostacoli, tanti pericoli e creature pericolose, ma soprattutto dovranno fare i conti con l’avversione che provano l’uno nei confronti dell’altro.

Caphalor e Sinthoras riusciranno a portare a termine l’incarico affidatogli dai sovrani? Saranno in grado di mettere da parte la loro faida personale per il bene del Dsôs Faïmon? Riusciranno a trovare un punto di incontro nonostante le loro profonde divergenze politiche e non solo?

Markus Heitz ha creato un mondo fantasy affascinante popolato da personaggi altrettanto seducenti.
Oltre alle figure dei due eroi Sinthoras e Caphalor, si muovono sulla scena moltissimi personaggi interessanti come la schiava umana Raleeha e l’artista Timānris, per non parlare poi di creature straordinarie, infide e ingannevoli, come ad esempio il Gålran Zhadár, un essere nanesco dotato di potere magici e Karjuna, una femmina appartenente alla razza degli obbooni altrimenti detti anche “ladri di carne”.

Le storie narrate in questo primo volume della saga degli albi sono storie di orrore indicibile, di battaglie spettacolari, di trionfi grandiosi e di terribili sconfitte; sono storie di guerra, di viltà, di amore, di coraggio, di sincerità, di valore e di amicizia.

Dopo aver letto “La leggenda degli albi” non stupisce che Markus Heitz sia l’autore fantasy più letto in Europa e che i libri della saga dei nani possano aver venduto oltre 150.000 copie in Italia.

I romanzi fantasy sono numerosissimi e gli autori sono tanti, ma non è facile trovare autori veramente bravi e dotati di così notevole fantasia da essere in grado di immaginare e creare nuovi mondi come Markus Heitz ha dimostrato di saper magistralmente fare.

Inutile dire quindi che ho già acquistato il secondo volume della saga, “La battaglia degli albi”: non vedo l’ora di iniziare la lettura e di potervi relazionare in merito.
Per ora vi lascio con un arrivederci dalla Porta di Pietra….




domenica 9 settembre 2018

“Cento poesie d’amore a Ladyhawke” di Michele Mari

CENTO POESIE D’AMORE
A LADYHAWKE
di Michele Mari
EINAUDI
Michele Mari, classe ’55, è un autore di prosa con all’attivo numerosi romanzi, uno scrittore molto stimato tanto da essere ritenuto uno dei migliori in circolazione.
La raccolta “Cento poesie d’amore a Ladyhawke” (2007) è il suo esordio poetico.

Il titolo del volumetto è un chiaro riferimento ad un famoso film intitolato appunto “Lady Hawke” di Richard Donner del 1985
La storia narrava le vicende di due innamorati che, a causa di una maledizione, erano condannati a non potersi mai incontrare nelle loro sembianze umane; lei, interpretata dalla bellissima Michelle Pfeiffer, di giorno era un bellissimo falco e lui, l’attore Rutger Hauer, di notte si trasformava in un temibile lupo.
I due innamorati, legati da una profonda passione, erano quindi destinati per l’eternità a restare sempre insieme eppure allo stesso tempo eternamente divisi. 

Come gli amanti del film anche il poeta vive un amore romantico e struggente, ed è proprio questo sentimento totalizzante, irrealizzato e irrealizzabile, ad ispirargli questo canzoniere d’amore moderno.

“Cento poesie d’amore a Ladyhawke” è una raccolta di poesie che riesce a ridare voce alla grande tradizione della poesia d’amore latina e medievale, rendendola quanto mai viva e moderna attraverso l’utilizzo di riferimenti alla realtà contemporanea; i richiami al cinema horror piuttosto che alla pubblicità ne sono un evidente esempio.

Fra il mulino bianco
e gli anelli di Saturno
la tua scelta era scontata

Ma non immaginerai mai
quanta farina
possono macinare quegli anelli

L’opera di Michele Mari si rifà, rivisitandone i versi, alle poesie della tradizione: al dolce stil novo, a poeti come Dante e Petrarca, solo per citarne alcuni, e così via fino ai nostri giorni con richiami a Pavese e Pascoli, senza tralasciare numerosi riferimenti anche alla filosofia.

Verrà la morte e avrà i miei occhi
ma dentro
ci troverà i tuoi

La donna amata da Mari è una donna reale, una compagna dei tempi del liceo. Un amore nato sui banchi di scuola, un amore mai dichiarato, ma non per questo meno intenso e vero. 
Uno di quegli amori che a volte è meglio non svelare a nessuno, neppure alla persona amata, forse per paura di un rifiuto o semplicemente perché si preferisce vivere nel dubbio.

Quando l’amore si rivela, quando i sentimenti di scontrano con la vita di tutti i giorni, la poesia potrebbe andare perduta e allora forse è preferibile accettare di rimanere nel limbo delle cose sospese.

Tertium dabatur
e sarebbe stato vivere
sfiorandoci

Ed è proprio quello che accade dopo trent’anni a Mari quando un giorno per caso ritrova la sua compagna di scuola. 
Dopo essersi confessati il loro reciproco amore adolescenziale, tra i due inizia una fitta corrispondenza, ormai però è troppo tardi per recuperare e lei non se la sente di fare un salto nel buio abbandonando la vita che si è costruita nel corso degli anni.

Certi amori sono nati per rimanere solo un’illusione, qualcosa che non deve essere contaminato dalla routine e dalla consuetudine.

Arrivati a questo punto
dicesti
o si va oltre
o non ci si vede più

Non capivi che il bello era proprio quel punto
era rimanere
nel limbo delle cose sospese
nella tensione di un permanente principio
nel nascondiglio di una vita nell'altra

Così il mio contrappasso di pokerista
è stato perdere tutto
appena hai forzato la mano

Quello cantato da Mari è un amore cerebrale, platonico e puro che scontrandosi con la realtà è destinato a perire. 
È un amore sospirato che non deve avere la possibilità di concretizzarsi carnalmente e quotidianamente perché ciò lo estinguerebbe inesorabilmente.

Ti cercherò sempre
sperando di non trovarti mai
mi hai detto all'ultimo congedo

Non ti cercherò mai
sperando sempre di trovarti
ti ho risposto

Al momento l’arguzia speculare
fu sublime 
ma ogni giorno che passa 
si rinsalda in me
un unico commento
ed il commento dice 
due imbecilli.

“Cento poesie d’amore a Ladyhawke” è un libro audace in un mondo dove i libri di poesia vendono pochissime copie e vengono sempre più visti come un prodotto editoriale di nicchia.
Michele Mari affronta con coraggio un tema, quello dell’amore esclusivo e totalizzante, che è una delle tematiche più sfruttate di tutti i tempi, ma riesce a farlo senza mai risultare banale; le sue poesie sono la testimonianza di un’ossessione privata, una lucida analisi dei mostri e dei tormenti che assillano la mente umana. 





domenica 2 settembre 2018

“Viking – Le ossa di Ardal” di Linnea Hartsuyker


VIKING
LE OSSA DI ARDAL
di Linnea Hartsuyker
GIUNTI
Ragnvald e Svanhild erano bambini quando il padre Eystein morì in battaglia. La madre Ascrida aveva allora sposato Olaf, l’amico del marito, che le aveva promesso che si sarebbe preso cura dei ragazzi e avrebbe amministrato le loro terre fino a quando Ragnvald avesse raggiunto la maggiore età e sarebbe quindi entrato in possesso dell’eredità paterna.

Ragnvald ha vent’anni ed è giunto il tempo per lui di reclamare quanto gli spetta, ma Olaf, per nulla intenzionato a mantenere fede al patto, decide invece che è arrivato il momento di sbarazzarsi definitivamente di lui.

Mentre Ragnvald, sta facendo ritorno a casa dopo essersi dimostrato audace e coraggioso durante le razzie compiute, il capitano della sua nave, Solvi Hunthiofsson, figlio di re Hunthiof, tenta di ucciderlo.

Ragnvald riesce a sopravvivere e, mentre lotta tra la vita e la morte, prima di essere ripescato in mare da un pescatore, ha una visione: un grosso lupo dal pelo dorato e gli occhi azzurri; il ricordo di questa visione non lo abbandonerà mai e anzi influenzerà non poco le sue future scelte di vita.

Se da Ragnvald ci si aspetta che sia disposto a morire per il suo onore e per quello della sua famiglia, dalla sorella Svanhild ci si aspetta invece un buon matrimonio.

Svanhild però è una donna testarda e assetata di libertà, così, pur di fuggire ad una unione matrimoniale con qualcuno impostole dal patrigno o scelto per lei dal fratello, nonostante non sia facile scegliere tra famiglia e libertà, decide di accettare l’opportunità offertale dall’acerrimo nemico di Ragnvald.
Sposa così Solvi Hunthiofsson, nonostante questo significhi essere solo una seconda moglie, essendo egli già sposato con Geirny, figlia di re Nokkve.

La saga di Viking, di cui “Le ossa di Ardal” è il primo volume, si ispira alla saga di Harald I di Norvegia raccontata da Snorri Sturluson (storico, poeta e uomo politico irlandese vissuto nel XIII secolo) nella sua Heimskringla. 

Linnea Hartsuyker ha usato come punto di partenza per il suo romanzo proprio le storie narrate nell’Heimskringla anche se, per sua stessa ammissione, alcuni legami tra i vari personaggi, ad esempio la storia d’amore tra Solvi e Svanhild, sono di sua invenzione così come di pura fantasia sono alcuni personaggi, tra questi Olaf e la moglie Vigdis.

Come in ogni saga che si rispetti i personaggi sono tantissimi così come i luoghi per lo più sconosciuti, quindi ben venga l’utilissimo elenco dei luoghi e dei personaggi posto alla fine del volume. Altrettanto utile poi, per chi non è ferratissimo sui costumi e sulle divinità del popolo vichingo, è il piccolo glossario.

Il libro, nonostante le sue 565 pagine, si legge tutto d’un fiato; la trama è avvincente e piacevolmente complessa; il ritmo del racconto incalzante e coinvolgente; la scrittura di Linnea Hartsuyker fluida, lineare e asciutta; i personaggi nati dalla sua penna affascinanti e indimenticabili.

Svanhild è una ragazza coraggiosa e indipendente, orgogliosa e libera. È per lei davvero straziante dover scegliere tra Ragnvald Eysteinsson, il fratello tanto amato, un uomo fiero e spesso troppo impulsivo, ma anche un valoroso uomo d’onore e Solvi Hunthiofsson colui che più di ogni altro comprende la sua sete di avventura e che può farle dono della libertà, ma purtroppo Solvi è anche lo stesso uomo che ha attentato alla vita di suo fratello.
Svanhild, però, non può che assecondare il suo spirito indomito e ribelle e seguire quell’uomo di cui, in realtà, si era innamorata sin dal primo momento che le era apparso senza ancora conoscerne né il nome né la storia.

“Le ossa di Ardal” è un romanzo emozionante e coinvolgente, capace di affascinare sia gli appassionati del romanzo storico quanto quelli delle Cronache del ghiaccio e del fuoco.

Ora non ci resta che attendere l’uscita a settembre del secondo episodio della saga, dal titolo “La regina dei mari”, per poter nuovamente leggere dei combattimenti, delle faide e degli amori di questi audaci navigatori che, attraverso la penna di Linnea Hartsuyker, riportano in vita i miti e le leggende di una Norvegia vichinga dove centinaia di re combattevano per un lenzuolo di terra.






sabato 25 agosto 2018

“L’unico ricordo di Flora Banks” di Emily Barr



L’UNICO RICORDO DI FLORA BANKS
di Emily Barr
SALANI
Flora è una diciassettenne che soffre di amnesia anterograda da sette anni.
A causa di questo disturbo della memoria Flora non è più in grado di trattenere nuove informazioni, mentre tutte le informazioni che aveva immagazzinato prima che si manifestasse la malattia non sono state compromesse.

I suoi ricordi si sono fermati a quando era una bambina di dieci anni e da allora, per fissare i momenti che vive, è costretta a scriversi ogni cosa su quaderni, post-it e persino su mani e braccia.

È consapevole dell’amore dei suoi genitori, dell’affetto di suo fratello Jacob e di quello della sua migliore amica Paige che si prende cura di lei da quando si è manifestato il suo disturbo.

Durante una festa il fidanzato di Paige bacia Flora e il ricordo di questo bacio sulla spiaggia stranamente non svanisce come tutti gli altri.
Flora ricorda il bacio, ricorda le parole di Drake e ogni istante trascorso insieme al ragazzo.
Quello che dovrebbe essere un momento straordinario si trasforma però in un disastro: Drake il mattino dopo parte per la Norvegia dove si è iscritto ad un corso universitario e Paige, sentendosi tradita dalla sua migliore amica, chiude i ponti con Flora che nel frattempo si ritrova a casa da sola e senza alcun sostegno.
I suoi genitori che non sanno nulla della rottura con Paige, sicuri che questa si trasferisca a casa loro per tenere compagnia alla figlia, partono per Parigi dove Jacob è gravemente malato.
Flora però non ha dubbi: deve immediatamente andare in Norvegia, raggiungere Drake e cercare di capire perché quel ricordo non sia dissolto come tutti gli altri.
È convinta infatti che Drake sia la chiave del mistero e che solo lui possa guarirla.

L’idea di una protagonista che soffre di amnesia anterograda non è una novità, ne troviamo infatti numerosi esempi sia in letteratura sia al cinema; sul grande schermo l’argomento è stato trattato sia in modo più leggero con commedie come “50 volte il primo bacio” (USA 2004) oppure in modo più drammatico come in “Memento” (USA 2000).

Il libro di Emily Barr è un romanzo per young adult ma è una lettura adatta a tutte le età.
Come genere lo catalogherei come giallo piuttosto che thriller; c’è un mistero da risolvere, una pista da seguire, ma durante lo svolgimento della trama non c’è quella suspense che dovrebbe contraddistinguere un thriller vero e proprio.

Il racconto all’inizio è molto lento e le prime cento pagine sono caratterizzate da una ripetitività piuttosto indisponente.
È pur vero, però, che l’ossessivo rimarcare le condizioni di Flora e l’incessante rileggere le pagine del quaderno da parte della ragazza, se da un lato infastidiscono il lettore, dall’altro sono necessarie perché, rendendolo consapevole delle difficoltà che affliggono la protagonista, riescono a coinvolgerlo emotivamente in prima persona.

Flora è una ragazza coraggiosa e determinata che, nonostante la sua malattia invalidante, non si lascia abbattere dalle avversità e cerca con ogni mezzo di trovare la sua strada, di ritagliarsi i suoi spazi e di riprendersi la sua libertà.

Eppure, nonostante tutto, devo ammettere di non essere riuscita ad entrare in sintonia con il personaggio, non sono riuscita a provare nessuna empatia nei suoi confronti.
Da lettrice compulsiva quale sono, so che il sentirsi o meni coinvolti da una storia è un fatto soggettivo subordinato a moltissimi fattori, questa volta non è successo.
Devo però ammettere che mi sono svegliata una mattina e nel dormiveglia mi sono ritrovata ad interrogarmi su chi io stessa fossi e a cercare un quaderno proprio come Flora, questo può solo significare che il libro di Emily Barr ha comunque la forza di trascinare il lettore sia che questi resti o meno affascinato dalla sua protagonista.

I personaggi sono tutti ben caratterizzati: Drake, il ragazzo superficiale e meschino, l’apprensiva madre di Flora schiacciata dai sensi di colpa, il fratello premuroso Jacob, il padre che vorrebbe fare la cosa giusta ma ha paura di entrare in conflitto con la moglie.

Paige è il personaggio che coinvolge più di chiunque altro.
Paige è una diciassettenne che potrebbe avere una vita normale, un’amica normale eppure si occupa di Flora come nessuno farebbe da ben sette anni.
È un’amica vera e sincera, l’amica che tutti vorremmo avere.
Persino quando si sente tradita da Flora, e chi non si sarebbe sentito così dopo tanta dedizione, non riesce comunque a non preoccuparsi per lei. È vero la lascia sola quando i genitori partono, sbaglia a fidarsi di Flora e a non telefonare lei stessa alla madre per avvisarla che non sarebbe andata a stare da loro, ma un errore di valutazione potrebbe capitare a chiunque.

Il personaggio che forse più di tutti mi ha indisposto è invece la madre di Flora, non tanto per il comportamento nei confronti della figlia, sbagliato senza dubbio ma per certi versi giustificabile visto quanto accaduto (non voglio anticiparvi nulla nel caso decideste di leggere il romanzo), ma per il suo egoismo nei confronti di Paige.
Capisco che Flora sia sua figlia, ma sembra quasi che ritenga che Paige sia obbligata a fare da badante all’amica; un atteggiamento che ho trovato piuttosto irritante.

A Flora è sempre stato detto che il suo disturbo è sorto in seguito all’intervento che aveva subito quando all’età dieci anni le era stato diagnosticato un tumore al cervello.
Fin dalle prime pagine però si intuisce che i genitori le nascondono un segreto e che le cose potrebbero non stare proprio come le sono sempre state sempre raccontate.

“L’unico ricordo di Flora Banks” è un romanzo fatto di segreti e bugie, una storia di amore e perdita, un racconto dove la protagonista deve riuscire a fare luce sul suo passato se vuole conoscere la verità su stessa e soprattutto se vuole riappropriarsi della sua vita e della libertà che per troppo tempo le è stata negata.





mercoledì 1 agosto 2018

“L’incredibile storia dell’uomo che dall’India arrivò in Svezia in bicicletta per amore” di Per J Andersson

L’incredibile storia dell’uomo che dall’India
arrivò in Svezia in bicicletta per amore
di Per J Andersson
SONZOGNO
Sri Pradyumna Kumar Mahanandia, PK o Pikay per gli amici, è cresciuto in un piccolo villaggio vicino alla foresta più vasta dell’India; per nascita è un intoccabile, non appartiene a nessuna casta.

Proprio per questa sua condizione di paria Pikay è stato privato dell’infanzia felice e spensierata che spetterebbe ad ogni bambino.
Costretto a subire ogni genere di umiliazione, come sedere fuori dall’aula lontano dai compagni di classe durante le lezioni, vedere la gente correre a purificarsi per essere entrata in contatto con lui, essere preso a sassate per aver solo osato avvicinarsi al tempio, Pikay ha dovuto fin da piccolo fare i conti con l’essere considerato un cittadino di seconda classe.

Pikay però ha un carattere forte e determinato e, fermamente convinto che il futuro di ogni bambino sia scritto nelle stelle, è sicuro che un giorno, come gli è stato predetto da un astrologo, la sua vita cambierà, sposerà una ragazza di un’altra tribù, un altro villaggio, un altro distretto, un’altra provincia, un altro stato, un’altra nazione e questa ragazza arriverà da lui senza che lui debba neppure cercarla.

Deludendo le aspettative del padre che lo voleva ingegnere, PK grazie alla sua abilità nel disegno vince una borsa di studio per l’accademia di belle arti, si trasferisce a Nuova Delhi e qui inizia a lavorare come artista di strada.

I ritratti che esegue riscuotono un clamoroso successo tanto che, proprio grazie alla sua arte, riesce ad entrare in contatto con personaggi anche molto influenti come il primo ministro Indira Gandhi.

Un giorno una giovane turista svedese gli chiede un ritratto e PK capisce immediatamente che la profezia sta per avverarsi.

Lotta, questo il nome della ragazza, aveva cercato fin dall’adolescenza di avvicinarsi all’Oriente e sin dall’età di dodici anni il suo più grande desiderio era stato quello di visitare l’India; anche lei, come PK, non è tipo che si lascia abbattere dalle avversità e, proprio per questo, nonostante le sue scarse finanze, riesce a realizzare il suo sogno di vedere l’India.

L’incontro con la ragazza svedese cambierà per sempre la vita di PK che, pur di stare con lei, deciderà come recita il titolo del romanzo di affrontare un lunghissimo e difficile viaggio in bicicletta per raggiungere la Svezia e ritrovare il suo amore lontano.

Ammettiamolo, un titolo così lungo incuriosisce ma allo stesso tempo inquieta anche un po’ il lettore il quale, guardando la copertina, quasi sicuramente immagina una trama senza dubbio divertente, ma anche terribilmente prolissa.
Nulla di più lontano dalla verità: la trama è effettivamente accattivante e gradevole, ma anche la lettura risulta scorrevole e piacevole.

La rivista Brigitte ha definito il romanzo “una splendida combinazione tra una fiaba di Bollywood e un romanzo hippie”.
E’ vero, la trama ha certamente del fiabesco ed è difficile credere che si tratti invece di una storia vera; eppure PK e Lotta sono due personaggi reali e il romanzo racconta proprio la storia del loro profondo amore, un amore che è riuscito ad unire due culture e due mondi così distanti tra loro.

Le differenze e le uguaglianze della cultura orientale e di quella occidentale sono ben evidenziate nel romanzo; le difficoltà incontrate da PK nel farsi accettare nella sua nuova patria e la diffidenza che egli riscontra negli svedesi sono raccontate con molto garbo e grande maestria da Per J Andersson.

L’amore è indubbiamente il motore del romanzo, ma la storia colpisce soprattutto per la delicatezza con cui vengono affrontate tematiche importanti come l’indigenza in cui versa gran parte della popolazione,  le contraddizioni di chi esercita il potere politico e quello religioso, i sentimenti contrastanti che gli Indiani provano nei confronti dell’Inghilterra, le continue vessazioni alle quali vengono sottoposti gli intoccabili, la difficile strada verso l’emancipazione e la modernizzazione del paese.

“L’incredibile storia dell’uomo che dall’India arrivò in Svezia in bicicletta per amore” è un romanzo insolito e particolare.

E’ affascinante poter leggere un racconto sugli hippie visti da una diversa prospettiva, noi siamo soliti, infatti, ascoltare i racconti di quei viaggiatori bohemien occidentali.
Questo libro ci permette invece di conoscere le impressioni di un ragazzo indiano che entra in contatto con questi borghesi benestanti che volevano ribellarsi alle convenzioni e alla fine raggiungevano l’India alla ricerca di qualcosa che in realtà era solo un sbiadito ricordo di ciò che il paese era stato.

Lotta e Pikay oggi hanno tre figli e vivono in Svezia in una grande casa alle porte di Boras, questo romanzo è la loro storia, una storia avvincente come una favola e sorprendente come solo la vita sa essere.

Un romanzo commovente, coinvolgente e toccante, ma anche ironico, spontaneo e divertente.



giovedì 19 luglio 2018

“Un adorabile bugiardo” di Lauren Rowe


UN ADORABILE BUGIARDO
di Lauren Rowe
NEWTON COMPTON EDITORI
Theresa Rodriguez è bella, sexy ed intelligente eppure con gli uomini sembra proprio non avere fortuna.
Dopo mesi dalla fine della sua relazione con un aitante giocatore, dal quale ha scoperto di essere stata tradita sin dall’inizio, Tess deve fare i conti con la sfiducia nel genere maschile e un’autostima praticamente azzerata.

Charlotte, la sua amica del cuore dai tempi della scuola, nel tentativo di smuoverla dalla sua apatia, la convince ad accettare un invito per una serata di puro divertimento, parola d’obbligo: lasciarsi andare.
Tess asseconda la folle idea di Charlotte e, dopo aver indossato una divisa da hostess dell’amica, acconsente di andare con questa in un locale e flirtare con qualcuno a caso per il solo piacere di farlo.

Qui incontra Ryan un ragazzo splendido: occhi blu, mandibola definita, muscoli incredibili, sorriso arrogante, insomma il classico spaccone che incanta.
Tra i due scocca immediatamente la scintilla, ma sul più bello la fidanzata o meglio la ex-fidanzata di Ryan, si presenza nel locale facendogli una scenata pazzesca.

Tess delusa si butta a capofitto nel lavoro e nell’organizzazione della festa di matrimonio del suo milionario capo, Josh Faraday, neanche da dire, pure lui un uomo bellissimo e affascinante.
Il destino però ci mette lo zampino perché la futura moglie di Josh, l’avvenente Kat Morgan, altri non è che la sorella di Ryan.

“Un adorabile bugiardo” ha una trama accattivante ricca di colpi di scena e simpatici equivoci; le battute e le situazioni divertenti incalzano il lettore che, catturato dalle intriganti circostanze in cui i personaggi si ritrovano, non vede l’ora di scoprire come questi riescano a trovare il modo di uscire dagli impicci.

Come avrete capito la trama è quella della tipica commedia, trama che si presterebbe moltissimo ad essere interpretata sul grande schermo da qualche famoso attore americano. 

Unico difetto per me, ma è ovviamente un giudizio puramente personale, è che ci siano troppo pagine dedicate al sesso.
Va bene la descrizione del primo incontro di Tess e Ryan sotto le lenzuola, ci sta senza dubbio ai fini del racconto, ma l’insistenza sull’argomento diventa un pochino troppo ripetitiva e fine a se stessa.

Identica impressione per l’approccio di Ryan, va bene flirtare ma sinceramente se uno mai visto prima mi facesse certi discorsi scapperei a gambe levate!
Quando poi lui racconta ad amici e parenti quali mezzi abbia usato per cercare di ritrovare Tess, tutti, nessuno escluso, gridano allo stalker; io mi sarei preoccupata di più dell’impressione da pervertito data all’inizio della storia.
Comunque, lo ammetto non sono molto attendibile sull’argomento, visto che sono un’assidua lettrice della vecchia, cara Jane Austen

Non vi è dubbio però che la storia nata dalla penna Lauren Rowe sia divertente e spassosa. Il romanzo scorre veloce ed intriga indubbiamente il lettore.
Qualcuno, come me, magari più di una volta si chiederà nel corso della lettura come sia accaduto che abbia scelto di leggere questo romanzo, ma non c’è nulla da fare, non riuscirete a resistere, andrete avanti pagina dopo pagina trascinati dalla curiosità.

In fin dei conti che male c’è ogni tanto a scegliere una lettura frivola e scacciapensieri? Qualcosa che ci aiuti a rompere la monotonia di tutti i giorni, a farci sorridere e perché no? anche a farci un po’ sognare...
Una storia di puro svago e zero pensieri, meglio se letta sotto l’ombrellone.

Qualcuno potrebbe obiettare sul fatto che tutti i protagonisti siano belli, perfetti e affascinanti, che gli uomini siano tutti degli adoni e le donne tutte Barbie o Jlo; ma ogni cosa è perfettamente in linea col genere a cui appartiene il romanzo, i personaggi sono esattamente come il lettori se li aspetterebbe.

“Un adorabile bugiardo”  è la favola di Cenerentola riletta in chiave moderna, non c’è la classica scarpetta di cristallo, ma una più prosaica divisa da hostess e la fatina è una giovane pazza dai capelli rossi, un po’ sopra le righe come tutti i protagonisti del libro.

Se amate il genere non potete farvelo scappare e, se invece, come me siete, un po’ prevenuti verso i romanzi rosa, il mio consiglio è: accantonate ogni indugio e gettatevi nella lettura perché vi assicuro che non ve ne pentirete, staccare la spina ogni tanto fa davvero bene all'umore.







giovedì 28 giugno 2018

“Il presidente è scomparso” di Bill Clinton e James Patterson


IL PRESIDENTE È SCOMPARSO
di Bill Clinton e James Patterson
LONGANESI
Il presidente degli Stati Uniti, Jonathan Lincoln Duncan, è l’uomo più sorvegliato e controllato del pianeta, eppure, l’inquilino della Casa Bianca sembra essere scomparso nel nulla.

Sotto indagine per un suo possibile coinvolgimento con Suliman Cindoruk,  capo di una nota cellula terroristica, i Figli della Jihad, la settimana successiva avrebbe dovuto testimoniare di fronte alla commissione speciale della Camera.

Le ipotesi sulla sua scomparsa si sprecano ed alcune sono davvero fantasiose; c’è chi pensa sia fuggito dal paese portando con sé il denaro ricevuto da Suliman Cindoruk a seguito della vendita di informazioni top-secret, chi invece ritiene si sia semplicemente rifugiato da qualche parte per preparare al meglio la sua difesa, qualcuno addirittura attribuisce la sua scomparsa alla necessità di sottoporsi a cure urgenti per la malattia da cui è affetto, la trombocitopenia immune.

Tutti però sono molto lontani dalla verità, nessuno infatti può anche solo immaginare che una catastrofe di proporzioni immani si stia per abbattere sugli Stati Uniti.

Un terribile virus è infatti stato rilasciato all’interno di tutti i sistemi informatici del paese e, se non sarà bloccato in tempo, distruggerà ogni cosa.
Gli Stati Uniti si ritroveranno a vivere come due secoli prima; la tecnologia del XXI secolo sarà completamente azzerata e l’economia distrutta; con i sistemi di difesa totalmente fuori uso qualunque nemico potrebbe attaccare e distruggere gli Stati Uniti d’America.

James Patterson, autore di libri che hanno venduto milioni di copie in tutto il mondo, non ha bisogno di presentazioni, così come Bill Clinton, eletto presidente degli Stati Uniti nel 1992 ed oggi autore di diversi saggi di successo.

“Il presidente è scomparso” è un’opera che unisce l’indiscussa bravura narrativa di uno dei più famosi autori di thriller alla conoscenza di particolari e dettagli da dietro le quinte che solo un ex inquilino della Casa Bianca può possedere grazie all’esperienza maturata sul campo.

Il perfetto mix di fantasia e di esperienza vissuta rende questo romanzo un thriller politico adrenalinico e avvincente dalla trama senza dubbio molto convincente.

L’avvio del romanzo è piuttosto lento, dovendo il lettore prendere confidenza con le dinamiche della forma di governo americano, argomento piuttosto ostico per coloro che non conoscono la materia, poi però la trama si vivacizza e il romanzo cattura l’attenzione del lettore fino coinvolgerlo totalmente.   
                                                                                                                                             
I personaggi del libro sono molto numerosi: Carolyn Brok, capo di gabinetto, i due terroristi pentiti Nina e il suo partner Augie, Elizabeth Greenfield, direttore reggente dell’FBI, il vice presidente Katherine Brandt, la killer professionista Bach…solo per citarne alcuni.
Ognuno di essi viene descritto minuziosamente sia fisicamente che psicologicamente; nessun elemento nel romanzo è mai lasciato al caso, sono infatti le sfumature delle varie personalità dei diversi personaggi insieme alla descrizione dei più piccoli particolari a rendere una trama carica di suspense anche credibile e reale.

La figura più affascinante è senza dubbio quella del presidente Duncan, quanto di più lontano, dobbiamo ammetterlo, dalla figura di Bill Clinton.
Personalmente mi sono immaginata Jonathan Duncan come un via di mezzo tra un Bruce Willis ed un Harrison Ford nei loro migliori film d’azione.

Un protagonista impegnato a scongiurare un imminente pericolo, seducente ed intrigante unitamente ad un’avvincete trama fanno di “Il presidente scomparso” una storia perfetta per essere proiettata sul grande schermo.

Il discorso di chiusura del presidente, che lui stesso definisce come la presentazione della sua agenda politica (riforma dell’immigrazione, riduzione della criminalità, legittima difesa, detenzione di armi,  libertà dell’individuo…), potrebbe risultare forse un po’ stucchevole, ma in verità si integra perfettamente nel quadro generale della storia.

La conclusione del romanzo non è per nulla scontata e, come in ogni thriller che si rispetti, non manca il colpo di scena finale ad effetto.
                                                  
“Il presidente è scomparso” è un thriller carico di azione, capace di tenere il lettore con il fiato sospeso fino all’ultima pagina grazie ad una trama originale, a personaggi ben riusciti e una scrittura veloce, scorrevole e diretta.





domenica 10 giugno 2018

“Giulia Tofana. Gli amori, i veleni.” di Adriana Assini


GIULIA TOFANA
Gli amori, i veleni
di Adriana Assini
SCRITTURA & SCRITTURE
Giulia, figghia di centu patri, dall’età di tredici anni si guadagna da vivere facendo il mestiere più vecchio del mondo.
Prostituta dalla bellezza prorompente, Giulia Tofana sa come ammaliare i suoi molti amanti; usando con loro ora il bastone e ora la carota, tiene in pugno le più importanti personalità della Palermo del XVII secolo.

Giulia in realtà non è una comune meretrice, la giovane è anche un’abile fattucchiera. Sua è infatti l’invenzione dell’acqua tofana, un potente veleno capace di uccidere un uomo senza lasciare alcuna traccia e senza destare sospetti.

Sfrontata, opportunista e ribelle, non si è mai negata ai suoi nobili clienti, non ha mai fatto la preziosa con loro fino ad oggi.
Oggi qualcosa è cambiato, per la prima volta, infatti Giulia vorrebbe essere un’altra, rinnegare se stessa, si è stancata di essere per gli uomini che la frequentano oggetto di desiderio ed allo stesso tempo di vergogna.

Giulia si è innamorata di un cavaliere. Manfredi, questo il suo nome, è bello, alto, biondo e, proprio per queste sue caratteristiche, è da tutti chiamato il “Normanno”.
Giulia e Manfredi si sono conosciuti per caso, il loro è stato un colpo di fulmine; Manfredi ignora però l’identità della ragazza e Giulia non può certamente confessargli come si guadagna da vivere.
Lui, uomo senza macchia e senza ombre, con una posizione e un nome da difendere non potrebbe capire.
Giulia può solo continuare a sognare una vita diversa.

Un susseguirsi di sfortunate coincidenze fanno precipitare gli eventi e Giulia si vede costretta a lasciare Palermo con la sua inseparabile amica, Girolama Spinola.
Nicodemo, un frate domenicano, che si è invaghito di Giulia, le aiuterà nella fuga facendosi carico di ogni loro necessità.

Dopo un breve periodo di sosta a Napoli, Giulia giunge nella città eterna. A Roma trionfa l’arte e imperano le feste; siamo nella Roma barocca di Papa Urbano VIII.
Qui Giulia perfezionerà definitivamente la sua pozione, quella mistura di arsenico e antimonio, che sarà così richiesta dalle donne di tutti i ceti sociali.
Le leggi sono in mano agli uomini e le donne, siano esse plebee o di nobile nascita, tutte indistintamente sono costrette a subire torti e maltrattamenti senza che gli uomini che glieli infliggono vengano minimante perseguiti per tali crimini. 
Giulia vede nella sua invenzione, prima ancora che una fonte di guadagno, un mezzo per punire tutti quegli uomini che resterebbero altrimenti impuniti.

Giulia Tofana è un personaggio realmente esistito nel XVII secolo, ma non sono molte le notizie che la riguardano giunte sino ai giorni nostri.
Sappiamo che fu processata insieme ad un numero elevatissimo di donne che si erano servite della sua famosa acqua per sbarazzarsi di mariti, amanti e familiari prevaricatori e ingombranti.
Tutte queste donne furono condannate alla pena capitale; fu scelta per loro una morte crudele ed esemplare, chi di loro non fu strangolata nelle prigioni, venne infatti murata viva. 

Giulia Tofana è un personaggio con il quale non si entra mai totalmente in sintonia forse perché è una figura piena di contraddizioni e dalle mille sfaccettature.
Giulia è esuberante, strafottente ma anche intelligente e generosa; all’apparenza è una donna fredda e manipolatrice eppure è capace anche di slanci di altruismo, è capace di amare e comprendere le sofferenze del prossimo.
Si comporta come se fosse priva di scrupoli, una donna senza Dio, ma allo stesso tempo anela a trovare una fede che la consoli e che gli dia speranza, sempre alla costante ricerca di qualcosa o di qualcuno che possa riaccendere la sua fede ed i suoi sogni.

Non è una persona d’animo cattivo ed è difficile per il lettore conciliare la sua immagine con quella di un’assassina seriale quale poi realmente ella è stata a tutti gli effetti.
Giulia Tofana si macchiò della morte di ben 600 uomini!                                                    
Eppure, il suo resta un personaggio borderline: la nostra coscienza ci obbliga a condannarla per le sue azioni, ma allo stesso tempo qualcosa dentro di noi ci spinge in parte anche a giustificare il suo modo di agire.

Ci oltraggiano, ma non ci domandano perdono. Ci uccidono e se la cavano con un’ammenda. A loro il mio veleno non serve, visto che la fanno franca anche quando ricorrono ai coltelli.

E’ vero che farsi giustizia da soli non è mai la scelta giusta, ma come si dovrebbe agire quando non ci sono alternative?
L’ira e l’impotenza di Giulia dinnanzi alle prepotenze e alla prevaricazione degli uomini è la stessa che proviamo noi oggi di fronte ai numerosi maltrattamenti e ai femminicidi di cui ogni giorno ci viene data notizia.
Oggi le leggi in difesa delle donne ci sarebbero pure, ma il problema resta terribilmente attuale. 

Il personaggio di Nicodemo è un’altra figura estremamente interessante e contraddittoria del romanzo; ambizioso e  scettico, attratto da Giulia ma allo stesso tempo soffocato e spaventato dalla forza dei suoi stessi sentimenti per la donna.

I personaggi nati dalla penna di Adriana Assini sono sempre molto ben caratterizzati psicologicamente; la vita li cambia, li forgia e non sono mai uguali a se stessi ed è proprio questo, insieme ad uno stile di scrittura piacevole e scorrevole, che rende i suoi romanzi estremamente intriganti ed affascinanti.

L’autrice ha la grande capacità di riuscire a ricreare l’atmosfera dell’epoca di cui scrive in modo semplice e chiaro tanto che leggendo sembra quasi di trovarsi dinnanzi ad un affresco nel quale si muovono i protagonisti del libro con le loro storie.

Adriana Assini è bravissima proprio a raccontarci i fatti salienti del periodo di cui ci parla senza appesantire la narrazione con lunghissime digressioni storiche, con poche parole riesce a  trasmetterne la realtà e l’essenza dell’epoca.
Come non richiamare ad esempio alla nostra mente la famosa locuzione latina Quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini mentre leggiamo della statua di Pasquino e del papato di Urbano VIII?

Qualche tempo fa vi avevo già parlato di un altro bellissimo romanzo di Adriana Assini intitolato “Agnese, una Visconti” nel quale la scrittrice racconta la storia di una donna indomita e fiera.
“Giulia Tofana. Gli Amori, i veleni” è un romanzo altrettanto avvincente, la storia di un’altra donna  dal carattere forte, una donna determinata a farsi valere in un mondo dominato dagli uomini.

Lettura assolutamente consigliata.